CAMILLA RAVERA, “PERICOLOSAMENTE” ANTIFASCISTA

Immagine

Camilla Ravera (1889-1988), collaborò dal 1919 a “L’Ordine Nuovo” di Gramsci, Togliatti, Tasca, Terracini. Per incarico di Antonio Gramsci tenne sul periodico una “Tribuna delle donne”. 

Tra i fondatori del PCd’I nel 1921, assunse subito la guida dell’organizzazione femminile, fondando anche il periodico “La compagna”.

Nel 1922 fu a Mosca in qualità di delegata al IV Congresso dell’Internazionale Comunista. Dopo l’arresto di Gramsci, divenne segretaria del PCd’I dal 1927 al 1930 (fu la prima donna al mondo a ricoprire la segreteria politica di un partito), guidando l’organizzazione negli anni più bui della repressione fascista. Emigrò per motivi politici a Parigi; in seguito le fu affidata la direzione del  Centro interno del Partito. Arrestata nell’estate del 1930, trascorse tredici anni in carcere e al confino.  Quando fu inviata al confino a Montalbano Jonico, piccolo paese della Lucania, organizzò una scuola per i pastori della zona. Questo fatto irritò i fascisti che la trasferirono in altra località, con l’imperativo di non intrattenere rapporti con la popolazione. L’esperienza venne raccontata dalla stessa Ravera in questa intervista, tratta da “L’opposizione al Fascismo”, che è parte del documentario “I giorni della nostra storia” (1974) diretto da Ermanno Olmi.

Nel 1982 Camilla Ravera fu nominata, prima donna nella storia repubblicana, Senatrice a vita dal Presidente Pertini.    

per vedere il video

http://www.youtube.com/watch?v=Mqto_SLdzNI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...