Noi siamo la pace.

l'8 sempre

un disegno dell’artista Valentina D’Andrea

In occasione dell’8 marzo pubblichiamo un estratto del documento conclusivo prodotto dalla Sotto-commissione di genere delle FARC-EP, riunitasi a L’Avana, Cuba, sede dei dialoghi di pace, 11 febbraio 2015 (segnalazione di Lydia Mastrantuono).

La grande battaglia, amiche e compagne, è quella per sradicare il patriarcato legato essenzialmente al capitalismo come sistema di dominio universale e di esclusione delle donne e dei poveri. Per noi, la lotta contro il patriarcato non è una battaglia contro gli uomini. Si tratta di una lotta di donne e uomini alleati coscientemente da principi e valori di giustizia ed uguaglianza per tutte e tutti.

Con la nostra esperienza e le nostre idee stiamo arricchendo i colloqui di pace. Non sprechiamo questa opportunità. La pace in Colombia è ora e deve contare sulle donne, con le loro lotte, le loro aspettative, i loro dibattiti e i loro sogni.

Approfittiamo della fine della guerra anche per sradicare la violenza contro le donne. In Colombia, tra gennaio ed ottobre 2014 sono stati registrati 637 omicidi di donne. Ci uniamo alle parole d’ordine: “mai più una donna picchiata, né una donna assassinata, né una donna esclusa o violentata”.

Ma leviamo anche la nostra voce contro tutte le altre ingiustizie. Costituiamoci in un grande movimento sociale affinché questo processo trasformi le leggi, le istituzioni, ma soprattutto i costumi.

In questo senso, la Sotto-commissione di genere accoglie le problematiche della popolazione LGBT. Non siamo d’accordo con l’esclusione delle persone a causa della loro condizione sessuale, identità di genere o il loro modo di vestire.

La pace non può essere solo la fine del conflitto armato. Si richiede la partecipazione attiva delle donne alla vita economica, sociale, culturale e politica del paese. C’è bisogno della partecipazione diretta dei gruppi esclusi. Continuiamo ad essere uno dei paesi più disuguali ed arretrati per quel che riguarda l’inclusione delle donne e la distribuzione della ricchezza.

Gli accordi sulla terra e la partecipazione politica devono avere una prospettiva di genere. Non è coerente lottare per la terra ai contadini se non includiamo in maniera specifica le contadine. Non è la stessa cosa chiedere la partecipazione politica dell’opposizione in generale, invece di lottare per la partecipazione politica equa, in cui ci siano donne e uomini.

Questo processo deve incidere sulla trasformazione profonda della cultura politica contro le donne. Non bastano discorsi, né leggi. È ora che insieme pensiamo al fatto che costituiamo più del 50% della popolazione, cioè che siamo elementi costitutivi della nazione e che allora abbiamo il diritto e l’obbligo di proiettare una nuovo quadro istituzionale che renda possibile il grande salto politico e culturale, da e per le donne. Proponiamo allora di aggregarci al grande movimento che sta costruendo il popolo colombiano. Ci dichiariamo costituenti. Ciò significa che insieme possiamo costruire questo paese nella pace e nella giustizia sociale.

La pace della Colombia è anche la pace della regione, così come la realtà della Nostra America ci riguarda come donne e come rivoluzionarie. Perciò, le donne delle FARC-EP fanno appello alle donne della Colombia, affinché insieme a quelle dell’America Latina e dei Caraibi sviluppino un nuovo femminismo a partire dalla loro realtà.

Benvenute tutte le lotte e tutte le teorie femministe del mondo. Siamo donne, siamo combattenti, siamo colombiane, siamo latinoamericane, siamo caraibiche. Noi siamo la pace.

Sotto-commissione di genere delle FARC-EP.

L’Avana, Cuba, sede dei dialoghi di pace, 11 febbraio 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...