“Imperialismo sessuale” targato Usa

Nell’ambito delle trattative di sospensione delle ostilità tra governo colombiano e Farc è stata istituita una Commissione Storica sul Conflitto e le sue Vittime (CHCV). Nel corso dei suoi lavori la commissione ha fatto emergere un aspetto finora poco conosciuto: la presenza di militari statunitensi al fianco dell’esercito colombiano nell’opera di repressione portata avanti negli ultimi anni, oltre ad aver incentivato e coperto l’azione degli squadroni della morte, ha avuto anche un’altra terribile conseguenza, ossia il moltiplicarsi di stupri ai danni di giovanissime colombiane da parte dei militari statunitensi. Anche in questa occasione la violenza sessuale è usata come arma di guerra contro le donne e i popoli in lotta. Anche le Nazioni Unite hanno lanciato un appello al governo colombiano affinchè emani una legge che ponga fine alle violenze. Pubblichiamo su questi fatti la documentazione segnalataci dalla compagna Lydia Mastrantuono.

abused_woman_f_caunomasmaltrato

Almeno 54 minorenni colombiane stuprate fra il 2003 e il 2007 da militari Usa.

Secondo il rapporto finale della Commissione Storica sul Conflitto e le sue Vittime (CHCV), costituita in base a un accordo tra l’insorgenza rivoluzionaria delle FARC e il governo colombiano, soldati e mercenari militari statunitensi hanno violentato almeno 54 minorenni in Colombia fra il 2003 ed il 2007. Tutti i casi sono rimasti impuniti.

“C’è una estesa letteratura sulla violenza sessuale, i cui casi rimangono nella più totale impunità a causa degli accordi bilaterali e dell’immunità diplomatica dei funzionari degli Stati Uniti, cosa che conforma il cosiddetto ‘imperialismo sessuale’,  un comportamento sessista e discriminatorio”, denuncia uno degli autori, Renán Vega, dell’Università Pedagogica Nazionale della Colombia.

Almeno 53 bambine sono state aggredite nelle città di Melgar e Girardot, situate a circa 100 km a sud ovest di Bogotá.
Dopo aver violentato le ragazze, alcuni video filmati durante i suddetti crimini sono stati venduti come materiale pornografico.
continua a leggere…
Per approfondire:
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...