“Donne in guerra”, una rubrica di memoria di “Noi donne”

“Bisognava rendere difficile la vita ai tedeschi e per farlo occorrevano strumenti di comunicazione, volantini, ma anche il giornale, Noi Donne, che faceva da megafono a tutte le manifestazioni, alle lotte e agli appelli.” 

Marisa Rodano

Noi donne era la rivista delle donne comuniste che odiavano il fascismo. Stampato per la prima volta nel 1937 a Parigi e sotto la direzione di Marina Sereni, fu – come ricorda Nadia Spano, dirigente del Pci e dell’Udi – “espressione del movimento femminile antifascista nell’Italia occupata dai tedeschi come organo dei Gruppi di Difesa della donna (GDD), nell’Italia liberata come espressione del movimento che darà vita all’UDI.”

Le donne coinvolte nella Resistenza furono 35mila combattenti, quasi 5mila arrestate, torturate e condannate, oltre 3mila deportate. Le donne attive nei Gruppi di difesa della donna furono 40.000.
Riprendiamo dall’archivio di Noidonne, con una selezione a cura di Silvia Vaccaro, alcuni articoli pubblicati nei primi numeri della rivista quando uscì dalla clandestinità.

M. F.

06328

Il nostro compito”, articolo pubblicato sul primo numero ufficiale di Noi donne, del luglio 1944, a Napoli per iniziativa di Nadia Spano e sotto la direzione di Laura Bracco.

“Le ragazze nei G.A.P.”, articolo pubblicato nel secondo numero di Noi donne, dell’agosto 1944.

Eroiche nella lotta, tenaci nella ricostruzione.”, pubblicato nel terzo numero di Noi donne, nell’agosto del 1944. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...