Un mondo libero dalle armi nucleari e dalla guerra

“Facciamo che l’anno 2015, 70° anniversario della bomba atomica, sia l’occasione decisiva per creare un mondo libero dalle armi nucleari e dalla guerra”: questo sono le parole che campeggiano nel sito della Nuova Associazione delle donne giapponesi (NJWA o Shinfujin), riprendendo lo slogan lanciato nell’agosto del 2014 dalla Conferenza mondiale contro le bombe H tenutasi a Hiroshima e Nagasaki, in preparazione della Conferenza quinquennale di revisione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare, svoltasi lo scorso aprile a New York. Nella stessa Conferenza del 2014 i movimenti pacifisti giapponesi rilanciarono la loro lotta contro le modifiche all’articolo 9 della loro Costituzione, che consentirebbero al Giappone di “fare la guerra all’estero”, cancellando il tratto fortemente pacifista della sua Carta Costituzionale.

In occasione del 70° anniversario del disastro atomico di  Hiroshima e Nagasaki, proponiamo la visione di alcuni film di cui qui sotto indichiamo i link.

“Mentre in diverse parti del mondo il fascismo rigermina o tenta di rigerminare nelle diverse forme, la maggioranza degli uomini oggi non sa o non sa bene o sa male cos’è il fascismo.”

“Ci volle una giornata intera per caricare la nostra roba. Utilizzammo il camion del signor Nojima. Stavano evaquando Hiroshima. […]”

“Ho visto la gente passare, pensierosa, attraverso le fotografie, le ricostruzioni; non gli è rimasto altro: le fotografie … le fotografie … i diagrammi. Non gli è rimasto altro … i modellini … non gli è rimasto altro. Quattro volte al museo a Hiroshima. Ho guardato la gente. Ho guardato me stessa pensosamente … il ferro … il ferro bruciato … il ferro spezzato … il ferro fatto vulnerabile … come la carne. Ho visto fiori mostruosi. Chi ci avrebbe pensato? … e le pelli umane, fluttuanti, sopravvissute, ancora fresche delle loro sofferenze … e le pietre … le pietre bruciate, le pietre esplose e le anonime capigliature. Le donne di Hiroshima, al mattino, risvegliate, le ritrovavano così: intere, perdute … Ho avuto caldo in piazza della pace. Diecimila gradi su piazza della Pace. […]”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...