Piena solidarietà alla Casa delle donne di Lecce

Pubblichiamo di seguito un comunicato della Casa delle donne di Lecce, che da anni lavora per la costruzione di una concreta “politica delle donne” sul territorio, la quale è stata privata dal Comune di Lecce del diritto a essere iscritta nel Registro regionale pugliese delle associazioni di promozione sociale, in quanto nel suo Statuto ricorrerebbero “parole non conformi”, come “politica”, “spazio politico”, “antifascismo” e “pacifismo”.  Incredibile! Una decisione gravissima, fuori dal contesto storico (nel senso che ci riporta molti decenni indietro) e soprattutto fuori dagli ideali e dalle norme scritte nella nostra Costituzione. Siamo pienamente solidali con la Casa delle donne di Lecce e pronte a sostenerla nella sua sacrosanta battaglia. (M. F.)

La Casa delle Donne di Lecce, che da sette anni è impegnata nel lavoro di costruzione di momenti e luoghi di libertà femminile nel nostro territorio, di organizzazione e sensibilizzazione delle donne e della società civile sui temi della violenza contro le donne, difesa della legge 194 ed altri, non può essere iscritta, a parere del Comune di Lecce, nel Registro regionale delle associazioni di promozione sociale, in quanto le politiche sociali e culturali descritte nel suo Statuto, ispirate ai valori dell’antifascismo e del pacifismo, la assimilerebbero ad un partito politico.

La LFD – Casa delle donne di Lecce ha fatto a suo tempo domanda all’Ufficio regionale competente di iscrizione al Registro regionale delle associazioni  di promozione sociale (APS). Tale inclusione, secondo normativa corrente, è subordinata al parere dell’Ufficio  servizi sociali della città di Lecce, il quale si è espresso negativamente, con la motivazione che il nostro statuto non sarebbe conforme alla Legge n. 383/2000. A giustificazione del diniego l’Ufficio cita il passo di tale legge di riferimento, dove si dice: “non sono considerate associazioni di promozione sociale, ai fini e per gli effetti della seguente legge, i partiti politici, le organizzazioni sindacali…” e si estrapolano, a dimostrazione, alcuni passi del nostro Statuto: in breve, la LFD sarebbe assimilabile ad un partito, perché in esso ricorrono termini quali: “antifascismo”, “pacifismo”, “spazio politico”, “attività politiche” (!).

Abbiamo espresso la nostra più viva protesta di fronte al diniego dell’Ufficio suddetto, contestando che esso è frutto di una lettura distratta e superficiale dello Statuto della LFD e di una sua interpretazione burocratica e distorta.

La LFD, che è iscritta dal 2010 all’albo delle Associazioni e movimenti femminili della Regione Puglia -Servizio Politiche di benessere sociale e pari opportunità, non è con ogni evidenza né un partito politico né una organizzazione sindacale, per le finalità e modalità della sua azione sociale.

Quanto al ricorrere nel suo Statuto delle parole “antifascismo”, “attività politiche”, “spazio politico”, abbiamo obiettato che: – con il riferimento all’antifascismo, lo statuto della LFD non fa altro che ispirarsi ai valori costituzionali fondativi della Repubblica italiana.

– il termine “politica” viene evidentemente utilizzato nella sua accezione più ampia, alta e originaria (da polis = città), che è quella di “agire nella città”, promuovere la cittadinanza attiva (nel caso della LFD soprattutto delle donne), costruire reti sociali di donne, attivare processi di democrazia e di autoconsapevolezza.

Pertanto, riteniamo il diniego espresso alla nostra iscrizione al Registro regionale delle associazioni di promozione sociale arbitrario e infondato, privo di qualsiasi sostegno legislativo, e ci riserviamo di tutelarci anche attraverso le vie legali.

Nel frattempo la LFD ha inviato una nota di protesta al Presidente della Giunta Regionale, al Sindaco di Lecce e, per conoscenza, ai capigruppo in Consiglio Regionale, alla Consulta Regionale Femminile, alla Commissione regionale per le Pari Opportunità, perché sia fatta chiarezza nel più breve tempo possibile.

Per la LFD-Casa delle Donne di Lecce la Presidente Manuela Miglietta

Recapito email: manuelamiglietta@yahoo.it

Piena solidarietà alla Casa delle donne di Lecce

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...